Città a Rovescio parte con i più piccoli


Il Centro ricreativo estivo (CRES) sperimenta “Città a rovescio”. 

Parte così il progetto: dai bambini.
Da Lunedì 13 Giugno, per sette settimane si attiveranno, lavorando e giocando, sul  “protagonismo urbano sociale e culturale attraverso la rigenerazione degli spazi”.

Ogni settimana un tema a cui sono legate tutte le attività.
Per rendere comprensibile ai bambini il concetto di città a rovescio verrà letta una filastrocca tratta da "favole a rovescio" di Gianni Rodari.
Le attività di laboratorio verranno svolte nei primi quattro giorni della settimana, il quinto come di consuetudine, sarà dedicata alla gita.
Particolare attenzione nelle attività, sa dedicata all’intervento sugli spazi seguendo una logica consequenziale di sviluppo, dando così la possibilità ai ragazzi presenti di vedere l’inizio e la fine di ogni produzione artistica.

Ogni settimana sarà così organizzata:
- un momento di incontro in cui i ragazzi, gli educatori, e le persone che interverranno dall’esterno possano raccordarsi sul percorso progettuale per condividerne gli intenti;
- a seguire, inizio dei laboratori espessivi finalizzati alla creazione di opere collettive e alla progettazione e sistemazione creativa, degli spazi del CCP (Centro Culturale Polivalente).




ƒƒ